Di questi tempi sembra tornata la voglia di fare, di sporcarsi le mani e giocare con la fantasia.

Mi è capitato di frequentare OniricaLab, un evento che periodicamente si svolge in un Centro Culturale (Interzona) di Verona. Caratteristica di quest’iniziativa è una serie di laboratori sulle cose più svariate, dal knitting al farsi la birra.

Sabato scorso fra i laboratori c’era quello di tipografia. Caratteri mobili di legno, un piccolo torchio, rulli con inchiostri colorati e carta. I ragazzi di Thype! l’associazione culturale di Torino che ha organizzato il laboratorio hanno riscosso davvero un ottimo successo, grazie alla passione, alla competenza e ad un’immancabile sorriso.

type!

Grazie a loro ho scoperto l’esistenza dell’archivio tipografico di Torino. Un museo in movimento nel senso che raccoglie, conserva ed utilizza macchine e caratteri da stampa d’epoca…per mantenere viva un’antica tradizione.

La scelta del carattere (font) è molto importante nella grafica e altrettanto importanti sono la stampa e la carta. Guardate che meraviglia questo video!

Se vi interessa l’argomento, vi consiglio il Museo Bodoniano a Parma. Incisore, tipografo e stampatore, Giovanni Battista Bodoni era famoso anche per la composizione della pagina: ampi margini, interlinee generose, spaziature ariose fra le parole che aumentano la leggibilità. La composizione è basata principalmente sul bianco e nero, sui diversi corpi dei caratteri, con poco colore, senza molte illustrazioni. I frontespizi non sono mai in minuscolo, sono ad asse centrale, con i piedi editoriali decorati da fuselli e filetti.

Da ricordare anche il Manuale Tipografico da lui realizzato e nel quale, oltre a raccogliere una galleria dei più bei caratteri dell’epoca espone le qualità che costituiscono la bellezza del carattere tipografico

  • Uniformità o regolarità del disegno che consiste nel comprendere che molti dei caratteri in un alfabeto hanno elementi in comune che devono rimanere gli stessi precisi in ognuno di essi.
  • Eleganza unita alla nitidezza ovvero il giusto taglio e la rifinitura meticolosa dei punzoni che producono una matrice perfetta dalla quale ottenere caratteri nitidi e delicati.
  • Buon gusto: il tipografo deve restare fedele ad una nitida semplicità e non dimenticarsi mai del suo “debito” con le migliori lettere scritte nel passato.
  • Incanto, una qualità difficile da definire, ma che è presente in quelle lettere che danno l’impressione di essere state scritte non con svogliatezza ne con rapidità, ma con somma calma come in un atto d’amore.

Bodoni è anche il nome di un carattere disegnato dallo stesso autore. Un carattere graziato caratterizzato da un alto contrasto tra le linee spesse e quelle sottili.

Di seguito una lista di Musei di tipografia, stampa e carta. A questo proposito, consiglio personalmente oltre al Museo Bodoniano, il Museo della Carta e della Filigrana a Fabriano e la Raccolta Remondini a Bassano del Grappa.

Spendo due parole anche sui Remondini perché sono illustri concittadini.

Famiglia di stampatori attiva fra il 1650 e il 1850 circa, specializzata in libretti dai colori vivaci e giochi popolari come i soldatini di carta e il giro dell’oca. Utilizzarono i venditori ambulanti che di villaggio in villaggio vendevano le loro stampe in tutta Europa. Ma se visitate la collezione scoprirete anche libri e carte da parati squisite.

 

00 . Museo Lodovico Pavoni “Il Segno Tipografico” di Artogne (BS)
01 – Museo della Cartolina “S. Nuvoli”, Isera (TN)
02 – Raccolta Remondini, Bassano del Grappa (VI)
03 – Tif – Tipoteca Italiana Fondazione, Cornuda (TV)
04 – Archivio Tipografico, Torino
05 – Museo Tipografico «Rondani», Carmagnola (TO)
06 – Museo Civico della Stampa, Mondovì (CN)
07 – Fondazione Museo Valle delle Cartiere, Toscolano Maderno (BS)
08 – Museo della Stampa – Centro Studi Stampatori Ebrei, Soncino
09 – Museo della Stampa e della Stampa d’Arte, Lodi
10 – Centro Testimonianza dell’Arte Cartaria, Acquasanta (GE)
11 – ARMUS – Archivio Museo della Stampa, Genova
12 – Museo della Stampa ‘Marcello Prati’, Piacenza
13 – Museo Bodoniano, Parma
14 – Museo della Carta di Pescia (PT)
15 – Museo Nazionale del Fumetto, Lucca
16 – Museo della Stampa ‘Jacopo da Fivizzano’ , Fivizzano (MS)
17 – Museo della Stampa Gamberini, Bologna
18 – Museum Graphìa – Museo della Stampa, Urbino
19 – Museo Studio delle Arti della Stampa, Jesi (AN)
20 – Museo delle Etichette da Vino, Cupra Montana (AN)
21 – Museo della Carta e della Filigrana, Fabriano (AN)
22 – Museo della Carta e della Filigrana, Pioraco (MC)
23 – Antica Stamperia Fabiani, Petritoli (AP)
23a . Museo Mediterraneo Ex LIbris, Ortona (CH)
24 – Tipografia Grifani Donati, Città di Castello (PG)
25 – Museo dell’Istituto Centrale di Patologia del Libro, Roma
26 – Museo della Carta e della Stampa, Subiaco (RM)
27 – Museo delle Arti Tipografiche, Arpino (FR)
28 – Museo della Stampa, Bari
29 – I Mestieri della Memoria Baldari, Lecce
30 – Museo della Carta, Amalfi (SA)
31 – Museo della Stampa, Locri (RC)
32 – Museo del Papiro, Siracusa
33 – Typographiae. Museo della Stampa, Trapani
34 – Ass. Amici Arte della Stampa, Collinas (CA)