Prima di partire, durante e dopo  leggo su cultura e tradizioni del popolo che vado a scoprire.

Pur tutti uguali, siamo così diversi.

Diversità che i pubblicitari conoscono bene: ogni messaggio va calibrato in base alla Nazione o alla cultura di riferimento.

La documentazione tecnica, nel migliore dei mondi possibili, dovrebbe tenere conto delle attitudini di ogni popolazione.

Senza approfondire troppo, vi propongo alcuni esempi di come diverse culture interagiscono con istruzioni d’uso, istruzioni di montaggio e manualistica in genere. In un altro articolo ho parlato di come sia importate usare il linguaggio giusto, ma ora un nuovo spunto viene da un articolo in inglese .

Conoscete qualcuno che segue passo passo le indicazioni?

Per quanto riguarda noi italiani, spesso si dà una rapida scorsa e poi si fa di testa propria.

Si riapre il manuale solo difronte ad un ostacolo insormontabile. In effetti gli italiani sembrano preferire suggerimenti e consigli a regole precise. Bisogna dunque lasciare un margine di libertà all’utente, senza tediarlo eccessivamente con procedure scontate e falsamente obbligatorie. Proporrei inoltre di inserire una sezione rapida iniziale in cui vengono mostrate solo le criticità, in modo che utenti esperti o annoiati possano andare dritti ai problemi veri.

Un testo troppo lungo verrà sicuramente ignorato. Almeno mettiamo in evidenza le cose essenziali e pericolose, invitando comunque ad approfondire in una sezione separata.

Al contrario, i giapponesi amano la documentazione tecnica ! Non ho trovato esempi da mostrarvi, ma sembra che la loro documentazione tecnica sia divertente. Estremamente illustrata e gratificante. Nessun argomento è troppo tecnico per venir trattato con creatività.

Medio Oriente e Stati Uniti preferiscono manuali sintetici, pratici e diretti. Frasi brevi e linguaggio semplice, senza tecnicismi.

In Ungheria sono molto attenti alla manutenzione e ai pezzi di ricambio.

Alla luce di queste informazioni si motiva anche la scarsa simpatia, oltre alla scarsa efficacia, di molta documentazione tecnica.

Che ne dite? un pizzico di attenzione in più anche nella localizzazione non farebbe male…