Da anni collaboriamo con un’azienda che si occupa di attrezzature per fluidi e lubrificazione, il che significa che ci è capitato di bazzicare in officine e miniere, ambienti industriali generalmente polverosi e sporchi.

Il nostro cliente, RAASM spa, offre un prodotto che va nella direzione dell’efficienza, nel senso della corretta erogazione dei fluidi ma anche dell’ordine e della pulizia.

Quindi della sicurezza, perché non c’è niente di più pericoloso di un ambiente di lavoro disordinato e sporco, soprattutto se lo sporco in questione è olio, grasso o comunque un prodotto chimico per la pulizia.

Ecco alcuni vecchi disegni realizzati per un catalogo in cui si mostrava la differenza fra un’autofficina attrezzata con avvolgitubo e recuperatori e una soluzione più tradizionale.

studiodz_autofficina_tradizionale

studiodz_autofficina

Tutto questo amarcord nasce dalla lettura di una notizia riportata da una rivista tecnica.

Tokyo, lo studio Torafu Architects ristruttura un’autofficina in modo rivoluzionario: l’ambiente di lavoro diventa spazio elegante e minimalista, una specie di showroom in cui le vetture sono esposte.

Speed Shop Type One

Il nome dell’officina è SpeedshopType One e il concetto alla base è che rendere l’ambiente più accattivante e “premiante” per la vettura incoraggi gli automobilisti a scegliere questa officina.

A livello pratico la rivoluzionaria impresa non ha stravolto la funzionalità del luogo, ma ne ha esaltato le potenzialità estetiche lavorando sulle tonalità, sulla disposzione delle lampade, sull’illuminazione naturale. Coerenza cromatica anche nella scelta degli accessori funzionali, come appunto i carrelli.

Gli italiani, soprattutto gli uomini, hanno spesso un rapporto di passione amorosa con la propria auto: forse la soluzione potrebbe essere efficace anche qui!

E adesso capisco meglio perché RAASM offra una vasta gamma di colori per i propri prodotti!